Prosegue “Attraverso le culture: a scuola con i consoli”, promosso dall’Istituto Penale per i Minorenni con il Centro Diurno Polifunzionale. I ragazzi del Malaspina alla scoperta della Costa d’Avorio

by

Un appuntamento con la cultura ivoriana, alla scoperta della storia e delle opportunità del Paese africano, con racconti, immagini e cibi della tradizione. È stato questo il senso dell’incontro con la Costa d’Avorio, che si è svolto all’Istituto Penale per i Minorenni di Palermo nell’ambito del progetto “Attraverso le culture: a scuola con i consoli”, l’iniziativa promossa dal Malaspina, in collaborazione con il Centro Diurno e con il coinvolgimento del Corpo Consolare di Palermo, destinata ai ragazzi ospiti delle due strutture (Istituto penale e Centro diurno).

All’incontro erano presenti, fra gli altri, il direttore del Malaspina Clara Pangaro, il console onorario della Costa d’Avorio Ferdinando Veneziani, Isabella Russo, referente per le attività connesse all’area “Diritti e interculturalità” per l’Istituto Penale per Minorenni di Palermo e Danuta Jadwiga Grzywnowicz della Consulta delle culture.

Il console onorario Ferdinando Veneziani, in particolare, ha parlato ai ragazzi dello sviluppo del Paese africano, sottolineando le opportunità lavorative che in Costa d’Avorio vi sono anche per chi arriva dall’Occidente. Ha, inoltre, illustrato la figura di Félix Houphouët-Boigny, padre della patria e primo presidente della Costa d’Avorio dal 1960 fino al 1993. Grazie alle doti diplomatiche e politiche di Félix Houphouët-Boigny, la Costa d’Avorio ha vissuto un periodo di forte sviluppo economico, fino a diventare, negli anni della sua presidenza, la prima economia africana.

Inoltre, è stato anche proiettato un video con alcune immagini di Assinie, nota località turistica della Costa d’Avorio, molto apprezzata in tutto il mondo.
Spazio, quindi, a un momento gastronomico, con i piatti tipici della tradizione del Paese africano realizzati grazie alla chef ivoriana Francesca.

Abbiamo parlato di storia e di tradizioni – ha sottolineato il console Ferdinando Veneziani – ma anche di lavoro per chi arriva dall’occidente, con diverse opportunità in diversi settori. Quindi abbiamo sognato guardando le suggestive immagini di Assinie realizzate grazie a un drone e gustato alcune pietanze tradizionali. È stato un bellissimo momento di incontro, per far scoprire un Paese come la Costa d’Avorio, ancora poco conosciuto”.

UFFICIO STAMPA CORPO CONSOLARE
Alberto Samonà
albertosamona1@gmail.com

Corso base di lingua portoghese

by

I tre Consolati Onorari di lingua portoghese di Palermo (Brasile, Cabo Verde e Portogallo), con la collaborazione dell’Associazione di promozione sociale UNIONE SOCIALE e il patrocinio del “Corpo Consolare di Palermo”, hanno organizzato un corso base di lingua portoghese nei giorni 11 e 18 aprile, 2, 9 e 16 maggio 2019.

Il corso ha avuto la durata di 10 ore, 5 settimane (due ore a settimana), ogni giovedì, ed è stato realizzato presso la sala della “Fazenda Cultural” messa a disposizione dalla Associazione di promozione sociale UNIONE SOCIALE, presso il Consolato Onorario del Brasile.
Il corso aveva come obiettivo fornire elementi base della lingua portoghese. Ideale, per esempio, per studenti che necessitano della conoscenza base della lingua per il progetto Erasmus o per figli di genitori di madre lingua portoghese che desiderano avvicinarsi alla cultura del Paese di origine, o semplicemente per gli amanti di questa lingua.

Imparare il portoghese non significa solo dominare i codici linguistici della lingua, ma anche comprenderla come lingua rappresentante dei paesi di lingua portoghese. Il portoghese è parlato da più di 200 milioni di persone, è la settima lingua più parlata nel mondo, più del tedesco (10º), del francese (11º) e dell’italiano (15º). È la lingua ufficiale di nove paesi del mondo – Brasile, Capo Verde, Portogallo, Angola, Mozambico, Guinea-Bissau, Guinea Equatoriale, São Tomé e Príncipe e Timor-Leste – e la lingua non ufficiale in alcune regioni – Macau, Galiza, Goa, Damão e Diu, e di numerose minoranze linguistiche della Cina, India, Canada, Africa del Sud, Venezuela, Argentina e Giappone.

I partecipanti hanno ricevuto un attestato di partecipazione.
Le lezioni sono state tenute dalla Prof.ssa Meire Jarra Cerveira.

Delegazione del Corpo Consolare di Palermo ricevuta dal Rettore Micari. Una borsa di Studio e scambi fra gli studenti dell’Ateneo e i Paesi del mondo

by

Il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari, ha incontrato una delegazione del Corpo Consolare, che riunisce i consoli onorari dei Paesi di tutto il mondo presenti nel capoluogo siciliano. Nel corso della riunione è stata confermata la collaborazione in atto da tempo fra l’Ateneo di Palermo e il Corpo consolare.

All’incontro, che è avvenuto allo Steri, sede del Rettorato, erano presenti il nuovo Decano del Corpo consolare di Palermo, Evgeny Panteleev, console della Federazione Russa, insieme ai componenti del Consiglio di Decanato: il vice decano, Antonio Cosenz, console onorario del Granducato del Lussemburgo; il prof. Antonello Miranda, console onorario dell’Estonia, che ha curato direttamente i rapporti con l’Università; il segretario generale Antonio Di Fresco, console onorario della Repubblica di Corea; Fatima Baroudi, console generale del Regno del Marocco Circoscrizione Sicilia e Calabria e Antonietta Alongi, console onorario di Capo Verde.

“Con questo incontro – sottolinea il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – proseguiamo un’importante e fruttuosa collaborazione che contribuisce al crescente prestigio del nostro Ateneo anche a livello internazionale. Negli ultimi anni – continua – abbiamo puntato molto infatti sulle politiche di internazionalizzazione, a partire dall’aumento delle attività riguardanti la mobilità, tra cui i circa 600 accordi Erasmus che coinvolgono ogni anno 1500 studenti tra incoming ed outgoing, e dal potenziamento dell’offerta formativa con l’attivazione di ben nove corsi di laurea interamente in inglese. Sono convinto – conclude il Rettore – che con queste nuove iniziative che si aggiungeranno UniPa potrà diventare ancora maggiormente visibile e attraente per gli studenti e le istituzioni straniere.”

“Prosegue – spiega il Decano del Corpo consolare di Palermo, Evgeny Panteleev– un’importante collaborazione che favorirà ulteriormente lo scambio fra gli studenti universitari palermitani e i loro colleghi dei Paesi con rappresentanze diplomatiche in città. Il Corpo consolare si conferma istituzione particolarmente attiva nella realizzazione di opportunità che possano costituire occasioni di incontro fra Palermo e le culture del mondo”.

Fra le principali novità, l’assegnazione di una borsa di studio per una Tesi di Laurea su materie internazionali, che nelle prossime settimane sarà destinata a uno studente dell’ateneo palermitano e la realizzazione di diverse iniziative, volte a stringere relazioni stabili e durature fra l’Ateneo e i Paesi che hanno rappresentanza consolare a Palermo.

In particolare, è stato preannunciato l’incremento degli scambi Erasmus di studenti e docenti negli Stati rappresentati nel capoluogo siciliano. Sarà, inoltre, potenziata la possibilità per gli studenti dei Corsi di Laurea Magistrali di svolgere tirocini presso le sedi consolari presenti a Palermo e saranno organizzati incontri tra gli studenti universitari e i consoli, allo scopo di far conoscere le opportunità di studio e lavoro nei vari Paesi del mondo.

Ufficio Stampa Università degli Studi di Palermo
Resp. Eva Ferra 3355609115
Elena Rabbia 3204647578
ufficio.stampa@unipa.it
Ufficio Stampa Corpo Consolare
Alberto Samonà
albertosamona1@gmail.com

Prosegue “Attraverso le culture: a scuola con i consoli”, promosso dall’Istituto Penale per i Minorenni con il Centro Diurno Polifunzionale. I ragazzi alla scoperta della Costa d’Avorio, fra storia e cibo

by

Si è svolto nei locali del Centro Diurno Polifunzionale di Palermo il secondo incontro del progetto “Attraverso le culture: a scuola con i consoli”, l’iniziativa promossa dall’Istituto Penale per i Minorenni (“Malaspina”), in collaborazione con il Centro Diurno e con il coinvolgimento del Corpo Consolare di Palermo, destinata ai ragazzi ospiti delle due strutture (Istituto penale e Centro diurno). Scopo del progetto è di favorire la conoscenza della storia e della cultura di diversi Paesi Esteri con rappresentanza diplomatica nel capoluogo siciliano.

L’incontro è avvenuto alla presenza, oltre che dei ragazzi ospiti del centro, anche di diversi alunni del Liceo linguistico Ninni Cassarà.

Nel corso della giornata, a cui hanno partecipato il console onorario della Costa d’Avorio Ferdinando Veneziani e il direttore del Centro Diurno Polifunzionale, Michelangelo Capitano, sono stati proiettati filmati sul Paese Africano e i ragazzi hanno potuto ammirare le bellezze artistiche delle città e quelle naturalistiche dei paesaggi del territorio ivoriano.

Erano presenti, fra gli altri, Maria Carolina Castellucci, Console di Danimarca, il presidente della Consulta delle culture, Ibrahim Kobena e Mohamed Laouar (ufficio di presidenza della Consulta delle Culture). L’intervento dei due rappresentanti istituzionali, incentrato sulla possibilità di “ricominciare da zero in qualsiasi momento della vita”, ha molto toccato i ragazzi del centro. È successivamente intervenuto Eric, percussionista ivoriano che con vari strumenti tipici africani ha coinvolto i ragazzi in una “miniscuola di musica”, terminata con un concerto molto apprezzato.

Il console onorario Ferdinando Veneziani, in particolare, ha intrattenuto i ragazzi sulla figura di Félix Houphouët-Boigny, padre della patria e primo presidente della Costa d’Avorio dal 1960 fino al 1993. Grazie a lui, alle sue doti diplomatiche e politiche, il Paese africano ha vissuto un periodo d’oro legato allo sviluppo economico, fino a diventare, negli anni della sua presidenza, la prima economia africana.

Spazio, quindi, a un momento gastronomico, con un gemellaggio siculo-ivoriano in cucina, grazie alla chef Francesca, cuoca ivoriana che ha preparato diversi piatti della tradizione africana, e i maestri Lorenzo Aiello, consigliere nazionale della “Federazione italiana pizzaioli nel mondo” e Luigi Calafiore, membro della stessa Federazione, che hanno preparato pizze siciliane, fra cui una pizza “mangia e bevi”. Un modo, anche questo, per uno scambio culturale fra Sicilia e Costa d’Avorio all’insegna del cibo della tradizione: “Abbiamo preparato – hanno sottolineato – insieme ai ragazzi del Centro diurno polifunzionale il cibo da strada siciliano, il tipico sfincione palermitano, le muffolette con ricotta e quelle con le acciughe e il caciocavallo e infine i mangia e bevi con pasta di pizza.

UFFICIO STAMPA CORPO CONSOLARE
Alberto Samonà
albertosamona1@gmail.com

Al via il progetto “Attraverso le culture: a scuola con i consoli” promosso dall’Istituto Penale per i Minorenni con il Centro Diurno Polifunzionale e con il coinvolgimento del Corpo Consolare di Palermo

by

“Attraverso le culture: a scuola con i consoli” è il titolo dell’iniziativa promossa dall’Istituto Penale per i Minorenni (“Malaspina”), in collaborazione con il Centro Diurno Polifunzionale e con il coinvolgimento del Corpo Consolare di Palermo, destinata ai ragazzi, ospiti delle due strutture (Istituto penale e Centro diurno), allo scopo di favorire la conoscenza della storia e della cultura di diversi Paesi Esteri con rappresentanza diplomatica nel capoluogo siciliano.

Il progetto si propone di ampliare la conoscenza, da parte dei minori e dei giovani coinvolti, sugli usi e i costumi delle varie Nazioni e, al contempo, far guardare con interesse e curiosità la diversità, in un’ottica che valorizzi le differenze, riconoscendole quali fonti di arricchimento e crescita personale e sociale.
“Attraverso le culture: a scuola con i consoli” si svilupperà mediante un ciclo di incontri a cadenza mensile con i Consoli di diversi Paesi e in particolare, Costa d’Avorio, Polonia, Marocco, Ghana, Capo Verde, Brasile e altri ancora.

Ciascun incontro si svolgerà con due appuntamenti, alternativamente presso l’Istituto Penale per i minori e al Centro Diurno Polifunzionale, coinvolgendo nel primo caso tutti i minori e giovani presenti nella struttura, nel secondo i ragazzi dell’area penale esterna, insieme ad alcune classi del liceo linguistico “Ninni Cassarà” di Palermo.

I primi incontri si terranno con la Costa d’Avorio e la Polonia. All’Istituto penale per i minorenni il 9 aprile con la Costa d’Avorio e il 14 maggio con la Polonia; il 16 aprile, invece, al Centro diurno si terrà l’incontro con la Polonia e il 7 maggio quello con la Costa d’Avorio.

Nel corso dei singoli incontri, i consoli illustreranno la storia, la cultura e le tradizioni delle Nazioni di volta in volta interessate, coinvolgendo anche alcuni rappresentanti della Consulta delle culture di Palermo. Ogni Paese sarà raccontato, prediligendo un particolare punto di vista sulla storia e gli aspetti culturali ritenuti più significativi e peculiari del luogo rappresentato. Si assisterà, inoltre, a proiezione di immagini e filmati, alla lettura di testi, a degustazione di piatti tipici e a varie espressioni delle tradizioni culturali dei luoghi rappresentati. Verranno anche illustrate e raccontate storie di integrazione all’interno della nostra città e della nostra nazione, come esempio di possibili modelli virtuosi di scambio e confronto fra culture differenti.

Il progetto è stato presentato al “Malaspina” alla presenza del Direttore dell’Istituto Penale per i Minorenni, Clara Pangaro; del Direttore del Centro Diurno Polifunzionale, Michelangelo Capitano; del Direttore del Centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia, Rosanna Gallo; di Mariarosaria Gerbino, Magistrato di Sorveglianza presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo; di Isabella Russo, referente per le attività connesse all’area “Diritti e interculturalità” per l’Istituto Penale per Minorenni di Palermo; del Decano del Corpo Consolare di Palermo Evgeny Panteleev e di una folta rappresentanza di consoli di vari Paesi con sede diplomatica a Palermo.

“L’iniziativa – sottolineano il Direttore dell’Istituto penale per i Minorenni Clara Pangaro e il Direttore del Centro Diurno Polifunzionale Michelangelo Capitano – si inserisce nell’ambito delle progettualità educative delle nostre strutture, inerenti l’intercultura, l’integrazione e la cittadinanza responsabile. A partire da questa progettualità ci proponiamo anche di promuovere tra i giovani coinvolti un dialogo sul valore della differenza e dell’unicità di ciascun essere umano, sul rispetto dei diritti inalienabili riconosciuti a ogni individuo, al di là di ogni possibile appartenenza nazionale, culturale, politica, religiosa, così come sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Sarà un viaggio metaforico, che a partire dal riconoscimento delle differenze, possa condurre i ragazzi a scoprire gli elementi comuni, sui quali costruire percorsi di condivisione e di appartenenza”.

“Stiamo avviando questa collaborazione con l’Istituto Penale per i Minorenni e con il Centro Diurno Polifunzionale – sottolinea il Decano del Corpo Consolare, Evgeny Panteleev – perché l’iniziativa rappresenta un’occasione straordinaria per far conoscere ai ragazzi usi e culture di diversi Paesi del mondo e per sottolineare il ruolo civico del Corpo Consolare, con le molteplici attività svolte dai consolati, quali, ad esempio, l’assistenza ai cittadini dei Paesi rappresentati, delle navi battenti bandiera straniera, degli eventi culturali, dei collegamenti aerei e degli scambi economici e commerciali”.

UFFICIO STAMPA Corpo Consolare
Alberto Samonà
albertosamona1@gmail.com

Presentazione del libro “Saudades”

by

Il Consolato Onorario del Brasile in Palermo, con il Consolato Generale del Brasile in Roma, e la collaborazione del “Conselho de Cidadãos de Roma” ha presentato il libro dell’autrice brasiliana Cássia Regina Milani Gomes “Saudades”, a Villa Niscemi.

Il libro parla del tempo e delle circostanze vissute dall’Autrice, attualmente residente in Sicilia, ma, analizzando un po’ meglio, sono le stesse che certamente hanno guidato l’esistenza di ogni donna brasiliana che si sia trasferita dal Brasile in Italia.

L’evento era inserito nella “III Semana da Mulher Brasileira” dal 18 al 22 marzo 2019, iniziativa che fa parte integrante della commemorazione della Giornata internazionale della donna, organizzata dal Consolato Generale del Brasile in Roma.

Assemblea annuale del Corpo Consolare di Palermo, eletto il nuovo Consiglio di Decanato Il nuovo Decano è Evgeny Panteleev, Console Generale della Federazione Russa

by

PALERMO – Eletto il nuovo Consiglio di Decanato per il biennio 2019 – 2020 del Corpo Consolare di Palermo, che riunisce i consoli di ventisette Paesi di tutto il mondo che hanno rappresentanza diplomatica nel capoluogo siciliano.
L’elezione è avvenuta nel corso dell’assemblea annuale del Corpo Consolare, che si è svolta a Villa Niscemi.

Questo il nuovo Consiglio di Decanato: Decano è stato eletto Evgeny Panteleev, console generale della Federazione Russa Circoscrizione Sicilia e Calabria; vice decano, Antonio Cosenz, console onorario del Granducato del Lussemburgo; segretario generale Antonio Di Fresco, console onorario della Repubblica di Corea; i consiglieri sono Fatima Baroudi, console generale del Regno del Marocco Circoscrizione Sicilia e Calabria; Davide Farina, console onorario della Polonia; Antonello Miranda, console onorario dell’Estonia; Antonietta Alongi, console onorario di Capo Verde.

Comunicato stampa
a cura di Alberto Samonà
Ufficio Stampa Corpo Consolare

Prima riunione di fraternizzazione della comunità brasiliana della Sicilia

by

Si è svolta oggi la prima riunione di fraternizzazione della comunità brasiliana della Sicilia. L’incontro ha avuto luogo presso la “Fazenda Cultural” dove ha sede il Consolato Onorario del Brasile in Palermo, in Viale Michelangelo. Erano presenti la Console Onoraria del Brasile in Sicilia, sig.ra Rosalia Calamita e il membro del “Conselho de Cidadãos de Roma”, la prof.ssa Meire Cerveira Jarra. L’incontro ha trattato argomenti di interesse della comunità e si è concluso con un allegro momento di rinfresco.

Raccolta di giocattoli, libri e pupi di zucchero a Palermo per i bimbi poveri in vista della festività dei Morti a Palermo

by

Il Consolato Onorario della Repubblica di Capo Verde a Palermo sta curando un’iniziativa benefica che ha ad oggetto una raccolta di giocattoli da destinare a favore dell’associazione Culturale “La Casa di tutte le genti” che svolge attività di volontariato nel quartiere della Zisa di Palermo. I volontari dell’associazione ogni mattina si fanno carico di gestire bimbi di famiglie comunitarie ed extracomunitarie che non hanno la possibilità di pagare un asilo o che non sono rientrati nei posti disponibili degli asili pubblici.

Chiunque volesse potrà contribuire al progetto, donando dei giochi, un libro, oppure un Pupo di zucchero, simbolo per eccellenza della Festa dei Morti.
L’iniziativa, infatti, si concluderà giovedì 1 novembre alle 12, con la consegna dei giochi raccolti all’Associazione presso la sede di via Cesare Cantù n. 1 alla Zisa, dove saranno ringraziati tutti i partecipanti, associazioni e privati che stanno aderendo per la generosità dimostrata. Il centro di raccolta per chiunque volesse effettuare donazioni è il Consolato Onorario della Repubblica di Capo Verde a Palermo, che si trova in via Selinunte 1.

«Sono stati invitati ad intervenire a questo momento di condivisionespiega il console onorario Antonietta Alongiil Sindaco e l’Assessore alle attività sociali Giuseppe Mattina perché in questo periodo di gravi episodi di intolleranza la loro partecipazione serva a rendere vivo il concetto espresso sempre dal Sindaco che «Palermo è una città che non conosce immigrati ma solo cittadini palermitani».

Inoltre sarà presente anche il dirigente scolastico della scuola Antonio Ugo, il Prof. Riccardo Ganazzoli. Difatti l’iniziativa è pensata quale segno di solidarietà alla scuola, al dirigente scolastico e al corpo docenti per lo spirito di solidarietà che li guida e che il Consolato condivide pienamente.

Comunicato stampa
a cura di Alberto Samonà
Ufficio Stampa Corpo Consolare

Missione a Cipro del Console onorario per la Sicilia Sebastiano Provenzano Avviate le pratiche di gemellaggio fra Palermo e Nicosia

by

Il console onorario di Cipro per la Sicilia Sebastiano Provenzano ha incontrato, a Cipro, il sindaco di Nicosia Constantinos Yiorkadjis, per avviare, in accordo con il Sindaco di Palermo, le pratiche formali per un gemellaggio tra le due città.

Durante la missione sono stati presi anche accordi per promuovere la presenza imprese siciliane interessate a investire a Cipro, dove l’economia cresce del 4 per cento annuo e che è in grado di attrarre investimenti stranieri nei settori delle costruzioni, dello shipping, del turismo e in quello finanziario.

“Palermo e Nicosia – sottolinea il console Provenzano – sono città simili per tanti aspetti e avranno un reciproco vantaggio nel condividere le proprie esperienze e nell’aumentare i rapporti di scambio culturale, economico e sociale. Nicosia è una città in grande sviluppo che si sta dimostrando in grado di introdurre nella sua storia millenaria innovazione. Numerosissimi i cantieri dalla Piazza Elfteria opera di Zaha Hadid ai grattacieli ai numerosi interventi di riqualificazione urbana. Questa città, l’unica e l’ultima d’Europa ad essere ancora divisa da un muro è, per converso di questa condizione anacronistica, realmente un esempio di dinamismo e innovazione”.

Nota stampa a cura
di Alberto Samonà
albertosamona1@gmail.com